clan rugby leagueLa selezione di diverse squadre di rugby calabresi e di giocatori della nostra regione che militano in altre squadre in giro per l’Italia, riunita sotto il nome del Clan Catanzaro (merito per questo ai dirigenti della società giallo nero rossa), dopo il vittorioso doppio confronto calabrese con i giovani esordienti dei Normanni di Lamezia Terme, conquista anche il titolo di campioni del girone meridionale di rugby league battendo a Catania la formazione siracusana del Syrako Rugby.

Il rugby league, la versione a 13 giocatori del rugby, non trova molti proseliti in Italia se non in appuntamenti estivi in cui si dilettano atleti del tradizionale rugby a 15 (rugby union). Dimostrazione ne è che la squadra calabrese ha dovuto giocare solo tre partite per giungere alla semifinale nazionale.

I calabresi capitanati dal reggino Lorenzo Imbalzano hanno comunque sfoderato un’ottima prestazione, pur sotto di 24 punti dopo venti minuti, riuscendo a portare a casa la vittoria con una strepitosa rimonta.

 

Dopo i primi minuti di sbandamento in cui i campioni del girone siciliano del Siracusa avevano avuto l’assoluto predominio territoriale, il Catanzaro ha trovato la forza di riordinare le idee buttando il cuore oltre l’ostacolo e riuscendo a rimettere in discussione il risultato già nel finale del primo tempo, conclusosi sul 24 a 16 per i siracusani con le mete dei cosentini Cozza e Gentile, autore di un double.

Nel secondo tempo la partita ha cambiato completamente volto e la selezione calabrese è diventata assoluta padrone del campo, rendendosi protagonista di un vero e proprio assalto a Fort Apache.

Le incursioni dei vari Bianco, Catrambone, Imbalzano, Cozza e Bercich spaccavano a più riprese il muro difensivo dei siciliani, costringendoli ad affannosi e fortunosi recuperi, e ogni qualvolta il Syrako provava ad imbastire azioni d’attacco giocando palla, trovava sulla sua strada una difesa dura, aggressiva e determinata, un vero e proprio muro di maglie giallorosse.

Il parziale di 20 a 8 fatto registrare nella seconda frazione a favore del Catanzaro, grazie alle mete di Bercich, Bianco e del solito Gentile, non lascia dubbi sull’andamento della seconda frazione di gioco.

La vittoria alla fine è andata alla squadra che sul campo ha dimostrato di avere maggiore fame e determinazione, la gara infatti ha vissuto momenti bellissimi, con due compagini capaci di affrontarsi a viso aperto senza remore e senza mai tirarsi indietro.

La vittoria del Clan è una delle pagine più rilevanti della storia del rugby catanzarese, mai nessuno in Calabria era riuscito a far convivere nella stessa squadra giocatori provenienti da città storicamente rivali come Catanzaro, Cosenza e Reggio Calabria, creando un gruppo affiatato e determinato al raggiungimento di un importante obiettivo comune.

Con il titolo di “campioni” del Sud Italia in tasca, ora il Clan è chiamato ad affrontare il più difficile degli incontri, nelle semifinali scudetto del prossimo weekend infatti i giallorossi incroceranno le spade, sullo storico campo aquilano del Fattori, con i fortissimi giocatori del Gran Sasso, giustizieri dei Gladiators Roma vincitori degli ultimi cinque campionati italiani.

La dirigenza del Catanzaro, per voce del presidente Francesco Celi e dei vice presidenti Marco Levato e Giuseppe Coppola, ha espresso grande felicità per il risultati ottenuti fino ad ora, la vittoria del girone sud era infatti l’obiettivo che il Clan si era prefissato fin dal primo giorno di questa avventura.

Ora l’urna di Roma ha dato in regalo ai giallorossi i favoriti per la vittoria finale, la società giallorossa ha comunque la certezza di uscire a testa alta dal campo del Gran Sasso anche se sarà impresa difficilissima.

Formazione Clan: 1 Catrambone, 2 Tolomeo, 3 Fiorillo, 4 Strippoli, 5 Imbalzano, 8 Gentile, 9 Giglio, 10 Pinna, 11 Ferraiuolo, 12 Bercich, 13 Cozza, 14 Bianco, 15 Cutrupi. Sub. 17 Celi, 18 Pugliese, 19 Trapasso, 20 Selvaggio. All. Giglio.

Marcatori Clan: 7 mete, Cozza, Gentile (3), Bianco, Bercich, Selvaggio, 4 trasformazioni Pinna.

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione