palazzo campanellaE' da apprezzare la scelta del presidente Mario Oliverio di arrivare finalmente ad un ruolo unico del personale della Regione Calabria e ad un bilancio unico, eliminando l'inutile autonomia dei dipendenti del Consiglio regionale. La Calabria è l'unica regione che ha sedi separate, in due città diverse, Catanzaro e Reggio Calabria, della Giunta e del Consiglio regionale. Una scelta imposta all'epoca dell'entrata in funzione delle regioni a statuto ordinario con la rivolta del 1970 (i moti di Reggio) per la scelta di Catanzaro come capoluogo. Nel corso degli anni il Consiglio regionale è diventato, sotto certi aspetti, una sorta di repubblica a se stante. La Calabria ha bisogno di scelte coraggiose ed innovative, sicuramente anche più ampie di quella dell' "unificazione" dell'ente regione, ma da qualche parte occorre iniziare.

Cercare di riattivare fuochi campanilistici sarebbe la scelta meno intelligente da fare in questa fase, anche perché la sede istituzionale non si sposterà da Reggio e lo stesso Oliverio sembra intenzionato a voler attribuire un maggior peso politico all'Assemblea di Palazzo Campanella.

 

"L'istituzione del ruolo unico regionale - ha affermato Oliverio - è un atto di riforma necessario se si vuole una macchina organizzativa efficiente e produttiva. Dobbiamo costruire una Regione amica ed al servizio del cittadino e non una Regione ripiegata su se stessa in difesa di sacche di privilegi e parassitismo. I ruoli separati tra Giunta e Consiglio regionali sono la coesistenza di due Regioni separate e distinte. Se vogliamo costruire una Regione "normale", moderna e leggera è indispensabile che oltre ad un'unica pianta organica ci sia anche un bilancio unitario. L'attuale separazione produce dispersione e sprechi nell'impiego delle risorse umane e finanziarie. Quella che prefiguriamo è una riforma di buon senso tesa a razionalizzare la spesa e a determinare risparmi. Chi si oppone a questa impostazione ricorrendo ad una presunta difesa di campanile lo fa esclusivamente per difendere privilegi". Lo afferma in una nota stampa il presidente della Regione, Mario Oliverio.

Il Presidente della Regione, poi, replica di fatto alle polemiche sollevate dal centrodestra: "Il ruolo del Consiglio regionale a Reggio Calabria non solo non è in discussione, ma sarà rafforzato. Non è in discussione il posto di lavoro che oggi i dipendenti esercitano nella sede del Consiglio e negli uffici della Giunta regionale. L'unico vero obbiettivo di un ruolo unico è quello di rendere efficiente e meno costosa la macchina della Regione. La separazione dei ruoli è stata e rimane funzionale a zone di privilegio ormai insostenibili e a sacche di inefficienza e di spreco che pagano i cittadini di tutta la Calabria, a partire da quelli di Reggio. È dovere di tutti tagliare gli sprechi, rimuovere le inefficienze e rendere migliori i servizi alla collettività. Chi pensa di agitare logori e consunti pennacchi per coprire difese corporative che pagano i cittadini sbaglia di grosso. La Calabria tutta ha bisogno di riforme. Noi abbiamo il dovere di servire la Calabria tutta per aprire una nuova stagione nella quale non ci sarà spazio per i campanili. La Calabria, infatti, o cresce insieme o insieme deperisce".

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione