Gli Amanti del Sole

Your accomodation in Calabria

Venerdì 15/4 ore 18 presso la sala della giunta provinciale di Catanzaro (piazza Luigi Rossi, 1) si parlerà di trivelle, di referendum, di Stato di Diritto e di diritto umano alla Conoscenza che continua ad esser negato ai cittadini.  Interverranno Maurizio Bolognetti autore del libro inchiesta sulla Lucania Saudita nonché segretario di Radicali Lucani e Valter Vecellio, giornalista direttore di Notizie Radicali nonché presidente dell'Associazione "Congresso Mondiale per la libertà della e nella cultura" che condurrà la presentazione e modererà il dibattito, in vista del voto referendario del prossimo 17 aprile.

Questo è l'elenco dei beneficiari del vitalizio del Consiglio regionale della Calabria. Gli importi non comprendono l'aumento appena deliberato per "l'adeguamento al costo della vita" sulla base dell'indice Istat dei prezzi al consumo.

 

Non solo ex consiglieri: nei beneficiari sono compresi anche quelli che hanno svolto da esterni le funzioni di assessore regionale come "tecnici".

 

Molti degli ex consiglieri indicati in elenco godono anche della pensione di parlamentare.

Enza Bruno BossioLa notte di Capodanno a Corigliano l'auto di Giuseppe De Lorenzo, dirigente della CGIL, è andata in fiamme.

«La natura dell'episodio – scrive in una nota l’on. Enza Bruno Bossio - fa pensare all'ennesimo atto intimidatorio che ritengo non debba essere assolutamente sottovalutato.»

La parlamentare Pd esprime piena fiducia nelle forze dell'ordine e nella magistratura affinché sia fatta piena luce su quanto accaduto. E ribatte: «L'impegno sindacale di De Lorenzo può essere da guida all'accertamento del movente ed alla individuazione degli esecutori.»

E’ stato appena approvato in Commissione bilancio un emendamento che prevede nella legge di stabilità uno stanziamento di 20 milioni di euro ad integrazione del Fondo destinato al finanziamento di interventi nei settori della manutenzione idraulica e forestale per attività di difesa del suolo e di tutela ambientale.

montecitorioDopo mesi di discussioni, l'approdo in parlamento delle unioni civili, con il ddl Cirinnà, ha mobilitato due piazze: l'una a reclamare il riconoscimento di nuovi diritti e l'altra che reclamerà, sabato prossimo, la difesa dei diritti tradizionali. Due piazze, cui, considerati alcuni toni agitati, non stonerebbe un po' più di riflessività. Che poi vuol dire, pur nella difesa sincera delle proprie convinzioni, non banalizzare le ragioni e le preoccupazioni che a quelle convinzioni vengono opposte, le ragioni "degli altri". 

In questo senso, fa bene Julián Carrón, nel suo commento di ieri sul Corriere della Sera a ricordare — a chi i nuovi diritti avversa, considerandoli un attentato ai valori fondanti la civiltà occidentale — il diritto all'espressione di questi nuovi diritti, e alla loro ricerca di tutela positiva nell'ordinamento giuridico; a ricordare che ciascuno di questi nuovi diritti «pesca in ultima istanza in esigenze profondamente umane: il bisogno di amare ed essere amati, il desiderio di essere padri e madri, la paura di soffrire e di morire, la ricerca della propria identità». Esigenze non comprimibili, cui non si può opporre grettezza di "comprensione", cioè di cuore e di mente.

Il risultato delle elezioni regionali in Friuli Venezia Giulia, come quello precedente in Molise, nonostante il limitato peso specifico delle due Regioni (per il loro numero di abitanti) ridimensiona fortemente quella che era stata la “vittoria” del M5S alle elezioni politiche del 4 marzo scorso.

La pretesa di Luigi Di Maio di poter fare il premier, in qualità di leader del partito di maggioranza relativa, è per il momento rinviata a data da destinarsi. Il leader M5S ha compiuto, per la sua arroganza, un pieno suicidio politico.

Ma non possono cantare vittoria nemmeno Matteo Salvini e l’intero centrodestra: certo il risultato delle due elezioni regionali ha rafforzato la destra e mostrato un netto trend di crescita. Ma i parlamentari sufficienti per governare non li hanno nemmeno Salvini, Berlusconi e Meloni.

Oggi, venerdì 24 Giugno, alle ore 11 a Roma presso il Partito Radicale (via di Torre Argentina 76 - 3° piano) si terrà una conferenza stampa ‎alla vigilia della giornata mondiale contro il narcotraffico indetta dalle Nazioni unite per il 26 giugno. 

Enza Bruno Bossio«L'incendio doloso di due mezzi per la raccolta dei rifiuti appena acquistati dal Comune di Gioiosa Ionica è l'ennesimo atto intimidatorio ai danni dell'amministrazione comunale guidata dal giovane sindaco Salvatore Fuda.» Lo sostiene in una nota la parlamentare Pd Enza Bruno Bossio.

«Solo poche settimane fa, infatti, in fiamme erano finite le auto di familiari del Sindaco – prosegue Bruno Bossio - In attesa che forze dell'ordine e magistratura facciamo al più presto piena luce su mandanti ed esecutori di questi gesti vigliacchi, voglio far pervenire a Salvatore Fuda e all'amministrazione da lui guidata la mia più sentita vicinanza e solidarietà e l'invito a non mollare sulla strada del cambiamento intrapresa.

Sottocategorie

feed

feed-image feed

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione