Gli Amanti del Sole

Your accomodation in Calabria

antonio scalzo“Domani mattina saranno protocollate alla Segreteria generale di palazzo Campanella le mie dimissioni dalla carica di presidente del Consiglio regionale”. E’ quanto afferma il massimo rappresentante dell’Assemblea legislativa calabrese, Antonio Scalzo, che aggiunge: “La decisione di rimettere il mio mandato scaturisce da una valutazione personale e politica sul delicato momento che la Calabria sta attraversando. Ho deciso di dimettermi per compiere un gesto di responsabilità politica e per il rispetto delle istituzioni che mi ha sempre caratterizzato in ogni circostanza.

togadi Ilario Ammendolia - su ilGarantista 30giu2015

So bene quanto Mario Oliverio sia una persona perbene ed onesta. Sono assolutamente sicuro che lo sia altrettanto Wanda Ferro, già candidata del Pdl. Così come sono certo che la "politica" in Calabria abbia sempre contato poco rispetto ad un coagulo di forze che dall'interno e dall'interno della Regione hanno pesantemente condizionato la storia di questa nostra Terra. Forze più o meno occulte che, nel momento in cui è andato in crisi il governo Scopelliti, abbiamo visto impegnate a lavorare sodo, alacremente e bene affinché abortisse sul nascere qualsiasi sostanziale alternativa di governo alla Regione Calabria.

UIl grande imbroglio è stato evidente il giorno della falsa convocazione dell'assemblea regionale del Pd all'Excelsior di Reggio Calabria. In quella occasione è emersa con chiarezza, la lucida, programmata e calibrata vittoria dei "cartelli" sulla Politica. Altrettanto inquietante c'è sembrata allora - ed ancora di più ci appare oggi - la misteriosa divisione del centrodestra che, in occasione delle elezioni regionali, è apparso impegnato a giocare ed a perdere una partita truccata. La "destra" non s'è divisa sulla eredità dell'Idealismo, né sul liberalismo. La " sinistra " non si è compatta su un percorso ideale o su un progetto di governo!

migranti sirianidi Giorgio Vittadini - su www.ilsussidiario.net

Oggi più che mai dopo la decisione di Berlino di aprire le frontiere, ci si chiede cosa accadrà di tutta quella fiumana di gente in fuga e cosa cambierà nelle società europee che la accoglieranno.

Ogni vita umana va salvata: il suo valore inviolabile, su cui si fonda la civiltà occidentale, sembra in questi giorni prevalere. E, come ha detto papa Francesco, dovrà significare non solo tollerare ma anche accogliere.

 

julian carronPubblichiamo qui di seguito la lettera che don Julián Carrón ha scritto al Corriere della Sera, oggi 24 gennaio 2016, sul tema delle unioni civili.

Caro direttore,
dopo mesi di discussioni intorno alle unioni civili, il disegno di legge Cirinnà approda in Parlamento. E scatena una nuova manifestazione di piazza, anzi due, una a favore e una contraria. Chi sostiene il progetto reclama il riconoscimento di nuovi diritti e chi vi si oppone lo fa per difendere diritti tradizionali. Qual è la causa dell'asprezza dello scontro in atto? 

Una parte dell'opinione pubblica rivendica questi nuovi diritti come una conquista di civiltà, un'altra li considera un attentato ai valori fondanti la civiltà occidentale.

Semipresidenzialismo con elezione diretta del premier, funzioni differenziate di Camera e Senato, collegi uninominali, diritto di tribuna: come unire stabilità, governabilità, democrazia e rappresentatività

Fra tre giorni si vota per rinnovare Camera dei Deputati e Senato della Repubblica. Se le previsioni saranno rispettate, l’Italia non avrà una maggioranza stabile e adeguata a governare il Paese. Se invece dovesse uscire una maggioranza numericamente sufficiente occorrerà vedere la sua tenuta interna o la sua capacità di misurarsi da neofiti con una grande responsabilità. Comunque, chiunque sarà chiamato a governare, non potrà rispettare le esorbitanti promesse fatte durante la campagna elettorale.

mario mauro“Alfano e Verdini non rappresentano più nessuno, sono soltanto i ‘cagnolini di compagnia’ della volontà renziana. Il fatto che continuino a sostenere un governo che si appresta ad approvare le unioni civili lo documenta in modo chiaro”. Ad affermarlo è il senatore Mario Mauro, ex vicepresidente del parlamento europeo, ex ministro della Difesa ed attualmente presidente dei Popolari per l’Italia. Dal giugno scorso il senatore Mauro è passato all’opposizione, rompendo con Ncd e Udc che invece sono rimasti nella maggioranza. Tra i punti più decisivi per la svolta dei Popolari per l’Italia c’è stata la riforma costituzionale, che ieri è stata approvata in quarta lettura dalla Camera dei deputati. Tempo una settimana e toccherà al Senato.

pubblichiamo, di seguito, il testo integrale della legge di riforma costituzionale che sarà sottoposta a referendum confermativo nel prossimo mese di ottobre

TESTO LEGGE COSTITUZIONALE  

Testo di  legge  costituzionale  approvato  in  seconda  votazione  a maggioranza assoluta,  ma  inferiore  ai  due  terzi  dei  membri  di ciascuna  Camera,  recante:  «Disposizioni  per  il  superamento  del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari, il contenimento  dei  costi  di  funzionamento  delle  istituzioni,   la soppressione del CNEL e la revisione del  titolo  V  della  parte  II della Costituzione». (16A03075) 

(GU n.88 del 15-4-2016)

 

Capo I 

 

MODIFICHE AL TITOLO I DELLA PARTE II DELLA COSTITUZIONE  

rosa capuozzoGrillo ne chiede le dimissioni. Saviano anche. I carabinieri le perquisiscono la casa sebbene non sia indagata.

Siamo per l'applicazione delle garanzie, fino a prova contraria, anche per Rosa Capuozzo, il sindaco 5 Stelle di Quarto (Napoli).

L'orda mediatica giustizialista non ci piace neanche quando è applicata nei confronti (e all'interno) dei grillini, che insieme al fogliaccio quotidiano di Travaglio ne sono tra i principali beneficiari.

La storia è nota: un consigliere grillino del comune campano è indagato per storie legate alla camorra e per il presunto sostegno elettorale che avrebbe ricevuto dalla stessa organizzazione criminale.

Sottocategorie

feed

feed-image feed

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione