Il responsabile del movimento Diritti Civili Franco Corbelli rivolge un “accorato appello ai giudici del Tribunale di Cosenza affinché venga rimesso in libertà un uomo di 52 anni, malato, da due settimane in carcere per scontare un residuo pena di 6 mesi per una vecchia condanna per un piccolo reato”.

“Quest’uomo, poverissimo – prosegue Corbelli in una nota – ogni giorno collaborava e aiutava padre Fedele e Giovanni Valentino per la raccolta, in giro per i supermercati della città, dei prodotti alimentari da dare ai poveri. Padre Fedele e Giovanni Valentino mi hanno chiamato per dirmi del dramma di questo poveruomo, chiedendomi di intervenire e aiutarlo. Chiedo ai giudici del Tribunale di Cosenza di valutare attentamente, come sono certo faranno, questo particolare caso umano. Si tratta di un uomo indigente, assai malato, che, per scontare un residuo pena di una vecchia condanna per un piccolo reato è stato, due settimane fa, arrestato e portato nel carcere di Cosenza. Togliere quest’uomo da quella cella e riportarlo al ‘Paradiso dei poveri’ dove, anche se sottoposto ai domiciliari, possa continuare, con padre Fedele e Giovanni Valentino, la sua opera umanitaria al servizio dei poveri e bisognosi come lui. A che serve tenerlo per 6 mesi in carcere, considerando il suo impegno umanitario e viste anche le sue gravi condizioni di salute? Questo poveruomo è assolutamente più giusto e molto più utile toglierlo dal carcere”.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione