carcere pagliarelliDue suicidi in carcere nei giorni di Natale ma Tv e giornali non ne parlano.

Il primo è avvenuto nel carcere di Trani. Avrebbe scontato la sua pena nel mese di febbraio del prossimo anno, stava trascorrendo la sua detenzione in maniera tranquilla e lavorando serenamente ma non ha retto. Un 31enne di Corato nel giorno di Natale è stato ritrovato senza vita all'interno della sua cella nella casa circondariale di Trani.

Era in carcere dal mese di giugno per reati connessi allo spaccio di stupefacenti e per evasione dagli arresti domiciliari. Si sarebbe impiccato con una corda rudimentale intorno alle ore 7 del 25 dicembre.

 

I soccorsi prestati all'uomo non sono serviti a nulla, il 31enne all'arrivo del 118 era già privo di vita. Ora toccherà alla Procura della Repubblica stabilire come l'uomo sia giunto in possesso della corda eludendo i controlli della Polizia Penitenziaria.

La notizia ha scosso l'intera popolazione carceraria (270 i detenuti), il cappellano ed il corpo di polizia penitenziaria, decidendo così di non celebrare la messa dell'Arcivescovo nel giorno di Natale. Domenica prossima però, su richiesta dei detenuti, sarà celebrata la messa in suffragio di Cataldo mentre i funerali saranno celebrati oggi (dal cappellano don Raffaele Sarno, su richiesta della famiglia) nella parrocchia di San Francesco a Corato.

Il carcere ha fatto un’altra vittima a Palermo. Un uomo rinchiuso al carcere Pagliarelli, di cui ancora non si conosce il nome,  venerdì ha commesso il brutale gesto. Dagli uffici della casa circondariale di Palermo nessuna informazione al momento è stata fornita. «Ci sono ancora indagini in corso». Sono le uniche parole che riescono a trapelare.

Negli ultimi dieci anni si sono registrati 600 suicidi fra i detenuti ma anche 68 fra gli agenti di Polizia Penitenziaria, secondo i dati forniti dal sito «Notizie Radicali». E in queste ore, proprio il leader storico dei radicali, Marco Pannella, ha visitato il carcere di Roma, Rebbibia. «Se vogliamo essere cortesi col ministro Angelino Alfano, i suoi dati in merito alle carceri sono inesatte. Noi Continuiamo a chiedere l’amnistia per tutti i carcerati» Afferma ai microfoni, il leader dei Radicali. 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione