#lagenteinfo Giustizia e Diritti

Rossano, visita ispettiva al carcere fatta dal circolo GD di Cosenza con Enza Bruno Bossio

carcere rossanoCon Enza Bruno Bossio e il radicale Emilio Quintieri

Il giorno di Natale una delegazione del circolo GD Cosenza F. Aldrovandi, composta da Gaspare Galli e Francesco Adamo, si è recata, accompagnando l'On. Enza Bruno Bossio assieme ad Emilio Quintieri dei Radicali, ad una visita ispettiva presso il carcere di Rossano. La visita coincideva col ‪‎Satyagraha‬ di Natale radicale: i detenuti, in protesta verso le condizioni di detenzione, hanno aderito allo sciopero della fame promosso da Marco Pannella, rifiutando e devolvendo il cibo del carcere in beneficenza.

Quella di Rossano è una casa di reclusione, perciò al suo interno ospita molti detenuti in regime di massima sicurezza: ergastolani, ergastolani ostativi,

Veronica Panarello è innocente: le prove in una nuova perizia

veronica panarelloIl Gip di Ragusa, Claudio Maggioni, il 12 dicembre scorso aveva convalidato il fermo ed emesso un'ordinanza di custodia cautelare in carcere per la mamma del bambino di 8 anni ucciso a Santa Croce Camerina, Veronica Panarello, ritenendo attendibile la tesi della Procura secondo la quale il bambino non sarebbe mai salito sull'auto della madre.

L'intera ricostruzione dell'accusa, infatti, è imperniata sulla certezza che il piccolo Loris Stival non fu accompagnato a scuola la mattina del 29 novembre, come invece affermato dalla madre, ma rientrò in casa intorno alle 8.30, dove fu successivamente raggiunto da lei e ucciso.

Visita nel carcere di Catanzaro nel Satyagraha dei Radicali

radicali carcere catanzaroNell'ambito delle iniziativa "Satyagraha di Natale con Marco Pannella", che vede centinaia di militanti radicali impegnati nelle visite degli istituti penitenziari di tutta Italia, anche una delegazione di Radicali calabresi, composta da Cesare Russo, Sabatino Savaglio, Rocco Ruffa, Antonio Giglio (PSE, iscritto al Partito Radicale con doppia tessera), e Giuseppe Candido, membro del comitato nazionale, giovedì primo dell'anno, si è recata in visita presso la Casa Circondariale di Catanzaro Ugo Caridi per constatare l'attuale situazione e per a manifestare quell'attenzione verso realtà carceraria che da anni i Radicali non hanno mai dismesso. 

Durante la visita, iniziata alle 10.00 circa, - ha detto Candido all'uscita - c'ha accolti e accompagnato l'ispettore Pagliuso della polizia penitenziaria poiché sia la direttrice del carcere, dott.ssa Angela Paravati, sia il comandante Scalzo non erano presenti. 

Capodanno nel freddo del carcere di Siano

carcereE’ freddo il carcere di Catanzaro, non solo per il clima polare di questi giorni. E’ freddo non solo per i riscaldamenti che vengono accessi un’ora e mezza al mattino e un’ora e mezza alla sera. E’ freddo non solo per il tempo che scorre lento, con i detenuti che vorrebbero lavorare e come in tutte le altre carceri italiane lo possono fare solo in pochi, e quelli scelti sono quasi tutti tra coloro per i quali si avvicina il “fine pena”. E’ freddo non solo per l’acqua che sgorga dai rubinetti di quelle cabine interne alle celle che sono al contempo bagno e cucina e che, almeno in alcuni reparti, scende fredda anche dalle docce comuni.

Catanzaro - Mazzotta è il nuovo procuratore generale

raffaele mazzotta procuratore generale

Proviene dalla Procura di Crotone. Santi Consolo va al DAP

 

Come già previsto da alcune settimane, il Consiglio superiore della magistratura ha nominato Raffaele Mazzotta nuovo procuratore generale della Corte d’Appello di Catanzaro.

Mazzotta, che fino a pochi giorni fa era procuratore di Crotone, subentra a Santi Consolo, che qualche mese fa è diventato capo del Dap, Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria.

Caro Orlando, le nostre prigioni sono luoghi illegali

carceredi Rita Bernardini

Caro ministro Andrea Orlando, proverò a chiarirti che cosa sia la pena "legale" perché ho ascoltato da Radio Radicale la tua conferenza stampa e molte delle affermazioni che hai fatto non mi tornano. Mi spiegherò con un esempio. Lunedì scorso ho visitato insieme a Marco Pannella e ai compagni radicali la Casa di Reclusione di San Gimignano e dò subito atto al dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria e, in particolare al Dott. Luigi Pagano, che il tuo ministero continua a consentirci di entrare negli istituti penitenziari per verificare le condizioni di detenzione nonostante nessuno di noi sia più parlamentare.

Fatti i dovuti ringraziamenti, veniamo alle note dolenti.

Due suicidi in carcere tra Natale e Santo Stefano

carcere pagliarelliDue suicidi in carcere nei giorni di Natale ma Tv e giornali non ne parlano.

Il primo è avvenuto nel carcere di Trani. Avrebbe scontato la sua pena nel mese di febbraio del prossimo anno, stava trascorrendo la sua detenzione in maniera tranquilla e lavorando serenamente ma non ha retto. Un 31enne di Corato nel giorno di Natale è stato ritrovato senza vita all'interno della sua cella nella casa circondariale di Trani.

Era in carcere dal mese di giugno per reati connessi allo spaccio di stupefacenti e per evasione dagli arresti domiciliari. Si sarebbe impiccato con una corda rudimentale intorno alle ore 7 del 25 dicembre.

Satyagraha di Natale. Il primo gennaio i radicali visiteranno il carcere di Siano

carcere siano catanzaroI Radicali calabresi saranno nella mattinata di Capodanno nel carcere Ugo Caridi di Catanzaro per augurare un buon 2015 ai detenuti.

A darne notizia è una nota di Giuseppe Candido: «Mentre il Presidente del Consiglio dichiara di aver risolto il problema della carceri senza fare né amnistia né indulto e che, per questo, nessuno ormai parla più di questi provvedimenti per risolvere il problema del sovraffollamento, i Radicali, anche in Calabria continuano il loro sostegno al Satyagraha di Marco Pannella e Rita Bernardini col digiuno a staffetta e, per giovedì primo dell'anno, torneranno in visita alle ore 10.00 alla Casa Circondariale Ugo Caridi di Catanzaro per verificarne le condizioni.

I più letti del mese
feed

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione