Gli Amanti del Sole

Your accomodation in Calabria

borsaPetrolio e Grecia le cause del crollo dei mercati europei

Seduta di pesanti vendite per le Borse europee, causata in particolare dall'ondata di ribassi sul comparto petrolifero. Le azioni delle società del settore hanno sofferto la debolezza del greggio che si è svalutato scendendo sotto i 55 dollari al barile sul Brent e sotto i 50 dollari sul Wti a seguito della decisione dell’Iraq, secondo produttore tra i Paesi dell’Opec, di incrementare le esportazioni.

Piazza Affari, che ha chiuso con un ribasso del 4,92%, è la peggiore tra le maggiori Borse europee. Una performance legata al tracollo registrato dalle azioni di Eni ed Enel.

Messe insieme le due società capitalizzano oltre 86 miliardi di euro, cioè il 20% dell’intero paniere Ftse Mib. Le azioni del colosso petrolifero di Stato soffrono anche la bocciatura degli analisti di Citigroup che hanno tagliato la loro raccomandazione sul titolo da «neutral» a «sell». Giù anche gli altri due titoli sensibili al prezzo del greggio: Saipem e Tenaris.

L'euro scende ancora e tocca i minimi dal 2006, prima di riprendere quota. La moneta unica scende fino a 1,1864 dollari, valore minimo dal marzo 2006, per poi risalire fino a 1,1959 dollari. In calo anche sullo Yen, a 143,16, ai minimi da inizio novembre.

A spingere già i mercati europei sono anche le  nuove turbolenze che investono la Grecia prossimamente di nuovo alle urne. Il governo tedesco smentisce di avere cambiato posizione circa una possibile uscita di Atene dall'euro, come ha scritto il settimanale Der Spiegel. "Non c'è nessun cambio di rotta", la dichiarazione del vice portavoce Georg Streiter, il quale ribadisce come il governo guidato da Angela Merkel si attenda - anche in caso di vittoria della sinistra radicale alle elezioni - il rispetto dei piani di risparmio concordati con i creditori internazionali. "La Grecia ha sempre rispettato in passato i suoi impegni".

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

feed

feed-image feed

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione