#lagenteinfo Cronaca

Revocati arresti domiciliari a Gigi Meduri

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Revocati gli arresti domiciliari per l’ex sottosegretario alle infrastrutture ed ex presidente della Regione Calabria Luigi Meduri, accusato di traffico di influenze nell’ambito dell’inchiesta della Procura di Roma sulle tangenti per appalti Anas. Meduri era stato arrestato lo scorso 22 ottobre e, poiché ha più di settant’anni, era stato ammesso al beneficio dei domiciliari. Il gip Giulia Proto ha accolto la richiesta di revoca dei domiciliari avanzata dall’avvocato Antonio Managò, legale di Meduri. Per lui ora vige solo l’obbligo di firma.

 

Arrivano pioggia e neve. Verso la chiusura l'allarme smog

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

meteo calabriaLa pioggia ha iniziato a ridurre il livello delle polveri sottili (Pm10) e va verso il rientro l'allarme per lo smog nelle grandi città.

I romani si sono svegliati con le strade bagnate da una pioggerella fine ma di buon auspicio, viste anche le previsioni per i prossimi giorni, nella lotta alle polveri sottili. Nonostante i provvedimenti di targhe alterne disposti dal Campidoglio lunedì e martedì scorso, infatti, i livelli del pm10 sono rimasti "fuorilegge". Anche oggi stop ai veicoli più inquinanti e confermato il tetto massimo di 18 gradi per i riscaldamenti in case e uffici.

Allerta neve in Emilia-Romagna per 33 ore, dalle 7 di sabato alle 16 di domenica; nei giorni seguenti "è previsto l'alternarsi di impulsi perturbati con possibilità di ulteriori nevicate sulle pianure centro occidentali". Secondo la Protezione civile regionale, sono previsti 10-30 cm sul settore appenninico emiliano, più modesti su quello romagnolo; in pianura accumuli al suolo di 5-10 cm sul settore più occidentale della regione, 1-3 cm verso Bologna. Non sarà coinvolta la fascia costiera.

Processo Yara, nuova sorpresa: c'è il DNA di una donna

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

yara gambirasioAlla sedicesima udienza del processo per l’omicidio di Yara è comparso in aula il fantasma di un’altra donna misteriosa. Una donna che lasciato il suo Dna mitocondriale in un capello incastrato fra il giubbotto della vittima e il terreno sul quale il corpo di Yara era riverso nel campo di Chignolo.

LO STESSO COGNOME DELLA MAESTRA – Questa donna, della quale non si era mai parlato in 5 anni di indagini e in 15 udienze processuali, si chiama Rosita Brena. Ha lo stesso cognome di Silvia Brena, la maestra di ginnastica di Yara che ha lasciato sul polsino del giubbino il suo Dna. Ma in questo momento nessuno, a parte forse la Procura, sa chi sia. Solo una omonimia con la maestra? Una parente? Dove abita? Mistero assoluto.

Genova/Tenta di entrare in tribunale armato di coltello

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Tentava di entrare nel Palazzo di giustizia di Genova con un coltello. E' quanto accaduto a un 63enne genovese che è stato denunciato per porto abusivo di coltello. L'arma gli è stata sequestrata dai carabinieri.

Il fatto è avvenuto ieri mattina, ma solo oggi la notizia è stata resa nota, dopo le notizie sui fatti di Milano

Bambina resta uccisa dalla pistola del padre poliziotto

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

pistolaUna bambina di 11 anni è morta in seguito alle ferite causate da un colpo d’arma da fuoco, a Pregasina (Trento). Sono intervenuti i carabinieri e i vigili del fuoco e da una prima ricostruzione dell’accaduto sembra che il colpo sia partito accidentalmente. La piccola avrebbe trovato l’arma in casa.

La pistola, secondo quanto riferiscono i carabinieri, intervenuti sul posto, appartiene al padre della piccola, un agente di polizia. La bambina probabilmente stava maneggiando l’arma quando è partito il colpo letale. Una vicenda drammaticamente simile a quella di pochi giorni fa, negli Stati Uniti. In un grande magazzino in una città dell’Idaho un bimbo di due anni ha preso una pistola estraendola dalla borsetta della madre, ha sparato e l’ha uccisa.

Sparatoria in Tribunale a Milano. Almeno tre morti

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Tra le vittime un giudice e un avvocato

Nel corso di un processo per bancarotta fraudolenta, questa mattina a Milano, l'imputato Claudio Giardiello ha estratto un'arma ed ha sparato 4 o 5 colpi. 

 Ci sarebbero almeno tre morti e alcuni feriti.

Una delle vittime è il giudice fallimentare Fernando Ciampi; l'altra l’avvocato Lorenzo Alberto Claris Appiani. Tra i feriti il commercialista Stefano Verna

Giardiello è stato arrestato, dai carabinieri, a Vimercate, dopo una fuga in moto.

Terrorismo neofascista/ 14 arresti

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

ros arresti neofascistiBlitz antiterrorismo dei carabinieri del Ros.

 

Sono 14 gli arresti in corso di esecuzione in varie regioni italiane su disposizione della magistratura dell'Aquila nei confronti di un gruppo clandestino che, richiamandosi agli ideali del disciolto movimento neofascista "Ordine Nuovo", progettava "azioni violente contro obiettivi istituzionali".

 

Oltre che di terrorismo, gli arrestati sono accusati di incitamento alla discriminazione o alla violenza per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi.

Stanotte ritorna l'ora legale

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

ora legaleQuesta notte ritorna l’ora legale che rimarrà in vigore fino a domenica 25 ottobre 2015. Alle 2 di notte, tra sabato e domenica, le lancette dovranno essere spostate in avanti di un’ora.

Da domani avremo un’ora in più di luce. Ritardi quindi l'orario del tramonto, con pomeriggi più lunghi e luminosi.

Il cambio dell'ora è anche un eccellente 'laboratorio'. Negli ultimi anni i ricercatori si sono sbizzarriti a misurare i suoi effetti sulla vita di tutti i giorni, dalla 'banale' qualità del sonno al rischio di incidenti stradali passando per la voglia di oziare sul web.

''L'inizio dell'ora legale - scrivono ad esempio i ricercatori de Karolinska Institut di Stoccolma citati dal Los Angeles Times - sono come un enorme esperimento naturale. In particolare noi abbiamo notato un aumento del 4% degli attacchi cardiaci nella settimana successiva all'introduzione''. Oltre al rischio cardiaco molto studiati sono gli effetti del cambio sul sonno.

Una ricerca su 14 studenti coordinata da Antonio Tonetti dell'università di Bologna e pubblicata su Chronobiology International, ad esempio, ha trovato un maggior numero di risvegli notturni e una maggiore difficoltà ad alzarsi dal letto nei giorni successivi all'arrivo dell'ora legale.

Vibo, un morto in un incidente stradale

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

incidente viboL'utilitaria su cui viaggiava si è scontrata con una Maserati

Un uomo di 34 anni, Gianluca Scuglia, è morto la notte scorsa in un incidente stradale a Vibo Valentia.

 

La vittima viaggiava su una Y10 che, per cause in corso di accertamento, è stata tamponata da una Maserati condotta da un commerciante di Filandari. In seguito allo scontro le due auto sono finite a circa 30 metri dal luogo dell'impatto.

Scuglia, sbalzato fuori dal veicolo, è morto sul colpo.

I più letti del mese
feed

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione