Gabriele Petrone: Sgarbi assessore a Cosenza non è serio

vittorio sgarbiDopo lo scambio di critiche (di Petrone) di minacce di offese abbinate a tentativi di offese (Sgarbi), prosegue il "dibattito" a distanza tra l'esponente del Pd cosentino e lo show-man indicato da Mario Occhiuto come assessore alla Cultura in caso di vittoria del centrodestra alle prossime comunali del 5 giugno. L'ultima stoccata è di Petrone "Sgarbi assessore a Cosenza non è una proposta seria".

"Voglio fare outing con il prof. Sgarbi: ebbene si, sono sovrappeso, dica pure obeso, - scrive il militante Pd - e come diremmo a Cosenza: “Eh moh?”."

Secondo il professore di Storia calabrese, Sgarbi non smentisce il suo tratto, la tendenza al turpiloquio ed all’offesa personale, il trascinare la contrapposizione politica, anche polemica, sul piano della rissa.

 

"Le diffamazioni, quelle presunte e quelle reali si discuteranno, se sarà il caso, in Tribunale. - prosegue Gabriele Petrone - Anche se - per vero - l'infantilismo elementare degli ultimi insulti (“obeso e incontinente”) m'hanno piuttosto riportato all'età felice, al punto che dovrei forse dire tutto alla maestra, più che invocare il giudice !!!"

"Non sfugge a nessuno, tuttavia, che l'accanimento polemico di Vittorio Sgarbi contro di me è piuttosto il frutto dei/delle soliti/solite suggeritori/suggeritrici locali, usi all'antica pratica dell'avvelenamento dei pozzi e che credono di poter utilizzare il noto critico d'arte come oggetto contundente contro gli avversari politici.   Per quanto mi riguarda - aggiunge Petrone - continuo a pensare, e con me molti cosentini anche alla luce del livello a cui si è voluto far scendere la polemica, che la sua, assai improbabile, nomina ad assessore di Cosenza sarebbe comunque una scelta sbagliata e provinciale."

D’altro canto continuo a non credere, legittimamente spero, alle magnifiche sorti e progressive dell'azione amministrativa del prof. Sgarbi, opinione tra l’altro condivisa dalla maggioranza dei cittadini di Salemi che certo per mera ingratitudine nel 2014 non lo hanno riconfermato sindaco preferendogli un giovane del PD, Domenico Venuti.

Il centrodestra, o quel poco che ne rimane (e di cui Mario Occhiuto è uno dei pochi epigoni rimasti), nomina assessore Sgarbi da decenni.

Attualmente Sgarbi è assessore ad Urbino ed evidentemente avrà conquistato il dono dell’ubiquità per poterlo fare anche a Cosenza o in altri comuni. La proposta dunque difetta di serietà, è la solita trovata propagandistica, tra l’altro di dubbia efficacia.

"Le questioni che riguardano la Cultura e il Centro storico a Cosenza hanno ben altro valore e consistenza e devono affrontarle soprattutto i cosentini. - conclude Petrone - Mario Occhiuto, in questi anni non lo ha fatto e certamente il 5 giugno gli elettori non gli daranno nessuna possibilità di riprovarci."

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione