Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

La cannabis è una delle colture più antiche conosciute al genere umano, con record di datazioni di coltivazioni risalenti a migliaia di anni fa.La differenza tra cannabis indica e sativa è uno dei temi più diffusi fra gli appassionati di cannabis in tutto il mondo.

Alcuni restringono la classificazione dei due tipi di cannabis solo alle prime due specie: Cannabis indica e Cannabis sativa. L’incrocio di questi due tipi ha portato poi ad una grande varietà di ceppi ibridi, con caratteristiche uniche. 

IL GENE DELLA CANNABIS

La cannabis è stata classificata per la prima volta nel 1753 da Carl Linnaeus, botanico, medico e zoologo svedese che ha ideato il sistema moderno utilizzato per classificare e denominare gli organismi viventi.

Oggi gli esperti stanno ancora discutendo su come classificare correttamente la pianta di cannabis.

Alcuni suggeriscono che la cannabis può essere classificata in tre specie distinte (Cannabis indica, Cannabis sativa e Cannabis ruderalis), mentre altri suggeriscono che tutte le varietà debbano essere trattate come sottospecie di una unica specie: la Cannabis sativa.

In questo articolo supponiamo che la prima teoria sia quella corretta e che la cannabis possa essere divisa in tre specie distinte.

La prima, Cannabis sativa, può essere ulteriormente divisa in due sottospecie Cannabis sativa e Cannabis sativa L. La prima vanta concentrazioni elevate di THC, il componente psicoattivo della marijuana, mentre la seconda non lo contiene. Questa viene spesso chiamata canapa e serve per molte applicazioni industriali.

La Cannabis indica contiene alte concentrazioni di THC e di altri cannabinoidi, come la Cannabis sativa. L'ultima specie, la Cannabis ruderalis, è una varietà rara con tratti autofiorenti unici.

 

LA DIFFERENZA TRA INDICA E SATIVA

La Cannabis sativa e indica sono le specie più diffuse per produrre marijuana, e mentre alcune persone potrebbero sostenere che tutta la cannabis ha lo stesso sapore e odore, esistono alcuni chiari tratti distintivi che ci permettono di riconoscere le varietà indica e sativa.

Ecco alcune delle differenze principali tra i ceppi indica e sativa:

Probabilmente una delle maggiori differenze tra Cannabis indica e sativa per i coltivatori è il loro aspetto.

Le piante di Cannabis sativa sono caratterizzate da una crescita in grandi piante simili ad alberi che possono facilmente crescere oltre 3 metri se coltivate all'aperto. Sono largamente ramificate e hanno foglie verdi chiare con lobi stretti. Producono grandi fiori che tendono a crescere lungo i rami della pianta.

Al contrario, le piante di Cannabis indica sono molto più basse, raggiungendo in coltivazione all'aperto solo 100-200 centimetri in media. Sono però densamente ramificate, e quindi sembrano notevolmente più "cespugliose" delle piante sativa. Hanno grandi foglie con ampi lobi e un colore verde scuro intenso.

I fiori delle varietà indica tendono a crescere in grappoli lungo i nodi del tronco e dei rami della pianta. Sono solitamente più piccoli dei fiori delle piante sativa, ma tendono ad essere più densi e pesanti.

 

CICLO DI CRESCITA E ALTEZZA

La maggior parte dei coltivatori nota una differenza distinta tra i cicli di crescita e le rese di piante sativa e indica.

Gli indicas possono solitamente fiorire tra 45-60 giorni e producono rese notevolmente più pesanti nonostante siano piccole piante (questo può essere dovuto al fatto che le gemme indica sono più dense e più pesanti dei germogli sativa).

Sativas tende a fiorire in 60-90 giorni e produce generalmente i rendimenti più leggeri, ma alcuni ceppi hanno il potenziale per produrre rese mostranti, a causa di piante enormi dimensioni.

EFFETTI

Le varietà di Cannabis indica e sativa producono effetti notevolmente diversi.

Le indica sono rinomate per la produzione di forti effetti sedativi a utenti ricreativi e pazienti che cercano di trattare patologie e sintomi come il dolore e l'insonnia.

A causa della loro capacità di produrre una forte sedazione fisica, le persone tendono a considerare i ceppi di indica più adatti per un uso notturno.

Le sativa tendono invece a produrre effetti euforici che alcune persone trovano di grande aiuto per aumentare i loro livelli di motivazione e creatività, e anche per migliorare il loro umore.

A differenza delle indica, molte persone utilizzano le varietà sativa durante il giorno o in situazioni in cui vogliono restare produttive e sociali, oppure per trattare i sintomi della depressione o i disturbi dell’attenzione.

ORIGINI

Ci sono teorie che sostengono la diversa origine geografica delle varietà di cannabis indica e sativa. Purtroppo non esistono sufficienti prova scientifiche per dimostrare questa ipotesi.

Ci sono prove abbastanza affidabili che la cannabis indica proviene dal subcontinente indiano.

Questa specie fu descritta per la prima volta dal biologo francese Jean-Baptiste Lamarck nel 1785, che usava campioni di piante raccolte in India.

La stessa specie continua a crescere naturalmente in molte aree dell'India e delle regioni circostanti, incluso il confine meridionale dell'Himalaya, e prospera a temperature fredde ed elevate altitudini.

L'India è considerata anche il luogo di nascita dell'uso della cannabis, perché gioca un ruolo importante nella religione. Oggi la maggior parte delle banche semi e dei coltivatori di cannabis concordano sul fatto che la cannabis indica proviene da questa zona.

La cannabis sativa fu invece classificata per la prima volta da Carl Linnaeus nel 1753. Mentre Linnaeus affermava che l'impianto proveniva dall'India, stava lavorando con campioni di canapa (Cannabis sativa L.) coltivati in Europa.

Le origini esatte della cannabis sativa non sono invece così chiare. La specie prospera in climi più caldi vicino all'equatore, portando alcune persone a sostenere che potrebbe essere originaria delle aree più calde dell'Asia sudorientale, come la Tailandia.

IMPORTANZA DEI FENOTIPI E DEI GENOTIPI

Come abbiamo visto sopra, ci sono alcune notevoli differenze tra varietà di cannabis sativa e indica. Tuttavia, è importante ricordare che queste sono solo indicazioni generali, proprio quelle che certe varietà non rispettano.

Come utilizzatori di cannabis è probabile che inciamperete in un ceppo che, pur considerato una sativa, produce alcuni effetti che sono caratteristici di una indica, o viceversa.

Come coltivatore, potresti anche trovarti a piantare un lotto di semi di un particolare ceppo di indica e, in poche settimane, potresti finire con 1 o 2 piante che assomigliano a sativa, o viceversa.

Queste differenze e irregolarità sono causate dai diversi fenotipi della cannabis.

I fenotipi possono essere meglio descritti come i tratti osservabili di un singolo organismo. Un genotipo, invece, è il codice genetico responsabile della creazione di tali tratti in un animale o in una pianta.

Così, anche se i semi di Bubba Kush che hai appena comprato condividono la stessa genetica, possono germogliare in piante notevolmente distinte, alcune delle quali potrebbero sembrare più simili alle sativa di altre.

I diversi fenotipi della cannabis avranno anche profili chimici distinti e conterranno diverse concentrazioni di terpeni e cannabinoidi. In ultima analisi produrranno lotti di erba con effetti diversi.

Se non sei troppo familiare con questo argomento, ti consigliamo di verificare il nostro precedente post su genotipi e fenotipi di cannabis, così come questo articolo sulla clonazione della cannabis.

CROSS-BREEDING E STRANI IBRIDI DI CANNABIS

I coltivatori e i breeder di cannabis cercano sempre di creare e stabilizzare nuove varietà con specifici tratti genetici.

Per far questo possono incrociare una pianta indica con una sativa e cercare di creare una nuova varietà di cannabis che, ad esempio, vanta i tempi di fioritura veloci e i grandi rendimenti di una indica, ma produce fiori con un caratteristico tratto da sativa.

Ogni volta che i breeder fanno questo, stanno essenzialmente creando ibridi di cannabis, ossia dei ceppi che possiedono sia caratteristiche da genetica sativa, sia da genetica indica.

Gli ibridi sono oggi molto diffusi perché consentono di generare ceppi unici con elevati livelli di cannabinoidi, con grandi proprietà mediche, o con la capacità di crescere in particolari ambienti e condizioni di coltivazione.

CANNABIS RUDERALIS

La Cannabis ruderalis è una varietà che sta guadagnando rapidamente popolarità tra i breeder.

È stata scoperta per la prima volta in Russia negli anni '40 e di crede essere originaria della Siberia meridionale. Di solito cresce fino a soli 60-80 cm di altezza e matura in circa sette settimane.

Anche se di solito contiene basse concentrazioni di THC, la ruderalis vanta un tratto unico che non esiste ini altre specie di cannabis: è autofiorente. Questa caratteristica consente alla varietà ruderalis di entrare nella sua fase di fioritura seguendo la sua età, invece che il cambiamento delle ore di luce. Quando queste genetiche vengono inserite in ceppi ibridi di cannabis, diventa possibile avere raccolti molte volte all'anno, in modo indipendente dal ciclo di luce stagionale.

Alcune banche semi stanno sperimentando con successo le varietà ruderalis incrociandole con indica e sativa e producendo con ibridi autofiorenti forti, affidabili e facili da coltivare.

Effetti dei diversi tipi di Cannabis

A livello chimico, le varietà Indica e Sativa differiscono per la composizione del loro contenuto di cannabinoidi, nonché per le percentuali più o meno bilanciate di altri composti fitochimici, tra cui i terpeni e i flavonoidi. Le varietà Sativa, normalmente, mostrano un maggior contenuto di THC ed un livello minore di CBD, mentre la genetica delle varietà Indica tende a manifestare un livello di THC più basso ed un contenuto di CBD un po' più elevato. Ma, grazie ai ricercatori, sia le varietà Indica che quelle Sativa possono trovarsi con un rapporto dei cannabinoidi THC:CBD variabile.

Oltre ad avere aspetti differenti, marijuana Indica e marijuana Sativa sono piante che hanno differenti effetti a seconda delle persone, ma più generalmente presentano le seguenti distinzioni:

Marijuana Sativa

  • Ravvivante ed energico. Più sveglio e Creativo.
  • Cerebrale, spaziale, viaggi come se piovessero e a tratti allucinogena.
  • Più adatta per l’uso di giorno
  • influisce sull’aumento della creatività.

Marijuana Indica

  • Rilassante e calmante. Divano.
  • Tremolio o formicolio di alcune parti del corpo e rilassamento muscolare estremo.
  • Più adatta per l’uso notturno.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

feed

feed-image feed

 

 
intopic

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione